Sito Web del Comune di Pagani:

Sommario

oggi è Sabato 7 dicembre 2019



Servizi on line
Pubblicità legale

Organismi di Partecipazione

Pari Opportunità

Associazionismo

Partecipazione dei cittadini


Aggiornato Mercoledí 12 giugno 2019
Beni architettonici

Il centro storico di Pagani rappresenta una pregiata risorsa storico-culturale, così com´è ricco di palazzi, cortili e chiese di interesse storico e architettonico.

Il palazzo paganese e salernitano in genere, si adatta e si ispira allo spazio circostante ed al centro urbano in cui è ubicato.

La sua trasformazione , a partire dalla seconda metà del 1600, è legata anche agli interventi di recupero a seguito degli eventi sismici.

A Pagani e nella provincia di Salerno , alla fine del Viceregno spagnolo (1707) , si ebbe un rinnovato fervore artistico, grazie anche all´antica nobiltà e alla nuova aristocrazia che commissionarono a noti architetti nuovi lavori in quest´area.

Il palazzo nobiliare si articola in aree funzionali in relazione al numero delle persone e alle attività: nel cortile sono ubicate le scuderie, le rimesse per le carrozze e l´accesso alle cantine sottostanti.

Al piano superiore è l´appartamento nobiliare detto quartiere o quartino, con balconi che si affacciano all´esterno.

L´ambiente di rappresentanza è la galleria, grande salone riccamente decorato e arredato, che ospitava anche le collezioni della famiglia.

La servitù alloggiava agli ultimi piani o nelle soffitte.

Simbolo dell´aristocrazia è la facciata principale ed ancora più il portale del palazzo, su cui il proprietario appone le proprie insegne.

Protagonista di questo rinnovamento nella prima metà del 1700 è Ferdinando Sanfelice, la cui più originali creazioni riguardano le architetture residenziali.

Particolarmente originale è il disegno delle scale aperte , a pilastri ed archi rampanti.

Chiaro esempio a Pagani ne sono il Palazzo Tortora degli Scipioni, Palazzo Tortora, Palazzo Mangarella.