Sommario

oggi è Domenica 26 giugno 2022



Cerca


Organismi di Partecipazione

Pari Opportunità

Associazionismo

Partecipazione dei cittadini
Aggiornato venerdì 20 maggio 2022
Come si vota

Per tale consultazione l’elettore, all’atto della votazione, riceverà una scheda di diverso colore per ciascun quesito.

fac simile scheda - rosso per il quesito n. 1

fac simile scheda - arancione per il quesito n. 2

fac simile scheda - giallo per il quesito n. 3

fac simile scheda - grigio per il quesito n. 4

fac simile scheda - verde per il quesito n. 5

Su ciascuna scheda referendaria vengono inoltre riportati il numero del referendum, la denominazione ed il quesito referendario, così come approvati dall’Ufficio centrale per il referendum presso la Corte Suprema di Cassazione.

Ciascun elettore ha diritto di esprimere il voto tracciando, con la matita copiativa, un segno sul riquadro corrispondente alla risposta da lui prescelta ("SI" o "NO").

Pertanto l'elettore traccerà un segno sulla scritta "SI" se ritiene che debbano essere abrogate la norme sottoposte a referendum, mentre traccerà un segno sulla scritta "NO" se invece ritiene che vengano mantenute in vigore le norme sottoposte a referendum.

È possibile ritirare, e quindi votare, anche solamente la scheda per uno o per alcuni dei quesiti referendari.

Secondo la più recente giurisprudenza, l’elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto.

A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate.

Dopo aver espresso il voto, l'elettore deve personalmente ripiegare le schede secondo le linee lasciate dalla precedente piegatura e provvedere ad inserirle direttamente nelle corrispondenti urne.